Novità

Come scegliere il profumo per il corpo




Si definisce profumo, l’insieme di sostanze odorose, miscelate con l’alcool, impiegate per procurare piacevoli sensazioni olfattive. Il nome (in francese parfum) deriva dal latino “per – fumum” ovvero “attraverso il fumo”. La presente guida è rivolta a quanti vogliano acquistare ed indossare un profumo in maniera consapevole, nel rispetto della propria personalità e del proprio stile di vita: dalle origini, alle modalità di applicazione, per finire con alcune informazioni utili per riuscire a leggere le etichette e rispettare la natura e l’ambiente.



Come scegliere



Scegliere un profumo non è affatto semplice. Oltre la vasta gamma di fragranze presenti in commercio, molti sono i fattori che giocano un ruolo determinante nella scelta definitiva, primo tra tutti la tipologia di profumo.



A seconda della sua intensità possiamo orientarci verso: Parfum, Eau de parfum, Eau de Toilette e Eau de Cologne.



Anche l’intensità ha la sua importanza. È indicato un profumo leggero se lavorate insieme con altre persone. Riservate una fragranza più strong alle occasioni mondane (esclusi cinema, teatro e ristorante). Attenzione al clima: la regola è che più fa caldo, più lieve dovrebbe essere la vostra fragranza. L’umidità, in particolare, rende il profumo stucchevole.



Sceglieremo il Parfum se preferiamo un aroma più deciso, l’Eau de parfum per una profumazione meno forte e l’Eau de Toilette e l’Eau de Cologne per un’essenza molto leggera.



Una volta stabilito quale genere di profumo acquistare, occorre scegliere il tipo di fragranza, se agrumata, fruttata, acquatica, speziata etc.Per prima cosa, fatevi un’idea della famiglia olfattiva che attira la vostra attenzione. I profumi fioriti sono i più amati e diffusi, con note di rosa, tuberosa, gelsomino, mughetto e di molti altri fiori. Freschi e leggeri, gli esperidati contengono olii essenziali ricavati dalle scorze degli agrumi (arancio, bergamotto, limone, mandarino, pompelmo). Caldi e sensuali, gli orientali mescolano agrumi, spezie, legni come il patchouli e note dolci come la vaniglia. Naturali e vibranti, i profumi verdi si ottengono dalle foglie di violetta, dal geranio, dal galbano, a cui si deve il tipico sentore di erba tagliata.



Un altro fattore da non trascurare è il tipo di pelle. Può sembrare inconsueto eppure una fragranza deve la sua tipicità proprio alla tipologia di cute, se più acida o più grassa. Per questo motivo per conoscere il vero aroma di un profumo, quanto esso duri e quanto sia intenso, è opportuno provarlo direttamente sul polso o sul collo, cioè in quelle zone dove c’è maggiore circolazione di sangue.



Ma prima di annusarlo è necessario lasciarlo riposare per qualche minuto, il tempo che evapori. Solo allora sarà possibile comprenderne la reale essenza e se quest’ultima è compatibile con i nostri gusti. Generalmente ogni profumo ha tre tempi di fragranza: la prima, quella delle note alte, la percepiamo subito dopo l’applicazione ed è destinata a svanire poco dopo.



La seconda, quella delle note medie, viene emessa subito dopo la prima ed ha un odore leggermente più intenso. La terza, quella delle note basse, è insieme alle note medie l’essenza vera e propria del profumo, destinata a durare più tempo. Attenzione però a non esagerare con le varie prove, solitamente l’olfatto dopo aver annusato tre diverse profumazioni di seguito non riesce più a distinguerne altre.



La scelta migliore è la più personale e istintiva. Il profumo che vi trasmetterà un’emozione olfattiva anche il giorno dopo averlo spruzzato sulla vostra pelle è quello giusto.



 



 



 



 



 



 



 



Mini guida su come truccarsi in 5 minuti



Inziamo dal colorito

Dopo aver steso sul viso la crema da giorno, applica il fondotinta. Compatto, in crema, fluido, minerale: scegli quello che più ti piace.

Ciò che conta è il modo in cui si stende,  la "mano da truccatrice provetta" che si acquisisce con il tempo. È una  questione di delicatezza, di dosaggio, di tocco. Il grande errore è quello di applicare il fondotinta come una crema. L'applicazione del fondo segue invece delle regole completamente diverse.

Il fondotinta si applica a piccoli tocchi e su zone specifiche chiave del volto (naso, mento, fronte e "sotto gli occhi") e poi lo si sfuma verso l'esterno, verso le zone che necessitano di essere "coperte".



Come applicare velocemente il fondotinta (e bene)

Se si ha poco tempo, l'applicazione corretta del fondotinta velocizza tutta la seduta del maquillage.

Per non sbagliare

Metti una piccola quantità di prodotto sul dorso della mano, quindi applicalo picchiettando delicatamente la zona interessata, in modo da ottenere un effetto naturale, leggero e soprattutto senza quelle antiestetice linee di demarcazione tra la mascella e il collo.



Inizia dalla zona sotto gli occhi, quindi continua su tutti i punti che vuoi coprire, cioè intorno al naso, sul mento, sugli zigomi. L'essenziale è partire dal centro del volto,  proprio come se questo fosse un baricentro. A questo punto, stendi il  fondotinta dolcemente verso la mascella e procedi - altrettanto  dolcemente - verso il collo.

In questo modo, la quantità di prodotto della zona collo-mascella sarà minima!



È  sbagliato adottare il procedimento inverso, cioè applicare il  fondotinta in quantità esagerate iniziando dalle guance, trascurando i punti veramente utili (li ricordiamo: naso, zona sotto gli occhi, fronte  e mento).



Passa a truccare gli occhi

Un leggero tocco di fondotinta sulle palpebre ne fa un'ottima base per il trucco. Per il trucco pronto in 5 minuti opta per gli ombretti in crema.

- Traccia una linea di eyeliner o matita dopo l'ombretto, se preferisci un tratto netto.

- Se invece vuoi un effetto più sfumato inizia dall'eyeliner o la matita e poi applica l'ombretto in polvere.



Completa con il mascara, applicato possibilmente seguendo l'esterno: allarga lo sguardo.



Procedi con le guance

Per il trucco da 5 minuti il blush deve essere leggero: non serve insistere visto che gli occhi sono già truccati.



Un tocco veloce in diagonale con il pennello tagliato 'a triangolo' specifico per fard, e il gioco è fatto.



Dulcis in fundo...la cipria

Insististi sulla zona T per opacizzare e far durare il tuo trucco.

Con il pennello per un effetto più 'areato', cioè per distribuire meglio la polvere in modo omogeneo.

Con il piumino se necessiti di camuffare piccole imperfezioni.



Finalmente, sei pronta!



Tempo impiegato? Solo 5 minuti!



 



 


Creme per il viso. Come agiscono e quali scegliere





Ogni donna non rinuncerebbe mai alla sua preziosissima crema idratante, nutriente, antirughe, prima di cominciare la sua intensa giornata di lavoro e di affrontare la gelida temperatura invernale, piuttosto che il caldo sole estivo. Ciascuna infatti sa che bisogna trattare con cura la pelle del proprio corpo, specialmente quella del viso, più delicata e maggiormente esposta, non solo agli agenti atmosferici, ma anche al giudizio di familiari, conoscenti, amiche, colleghi di lavoro. Ormai siamo letteralmente bombardati da pubblicità, rubriche nei giornali, ma anche da semplici consigli di vicini di casa e amici, che sembrano conoscano tutti i rimedi e i trucchi necessari alla nostra pelle per mantenerla sempre bella, idratata e incurante dei segni del tempo. E non è per niente facile districarsi bene e scegliere il prodotto giusto per ogni esigenza. Le creme viso sono importanti, ma per scegliere quella adatta alle proprie caratteristiche e ai diversi momenti della giornata è utile conoscere in partenza i vari tipi di pelle, optando sempre per cosmetici o creme delicate in modo da evitare irritazioni, pelle secca o arrossata e altri disagi. È inoltre necessario adattare i prodotti in base all'età, al tipo di pelle, alla stagione. La pelle del viso potrà infatti presentare caratteristiche diverse: essere secca e disidratata, sottile con tendenza a desquamarsi; grassa, tipica delle giovani donne, ricca di punti neri e brufoli e untuosa; delicata con couperose con tendenza ad arrossarsi e a seccarsi facilmente.





Un ottimo antidoto per mantenere un pelle sana e luminosa è inoltre condurre uno stile di vita sano. Ciò significa alimentarsi in maniera corretta, praticare un'attività fisica moderata, ma regolare e smettere di fumare. Frutta, verdura e cereali integrali con il loro contenuto di vitamine e sali minerali  costituiscono una vera e propria cura di bellezza per la pelle e dunque non devono mancare mai nelle nostre tavole. Non è un caso se molti cosmetici contengono principi attivi di origine vegetale e minerale oltre a sostanze antiossidanti. Il loro scopo è fare arrivare sulla pelle le stesse sostanze che si possono assumere con un’alimentazione sana e naturale. Diversi studi scientifici riconoscono l'importanza inoltre di minerali come lo zinco e il magnesio e alcune vitamine per la protezione della pelle. Soprattutto la A, la C, e la vitamina E: sono queste a proteggerci dai processi di ossidazione innescati dai nemici del nostro organismo: i radicali liberi.  Ultimamente, inoltre, si è studiato ampiamente l'utilizzo acido γ-amminobutirrico (GABA) nei preparati cosmetici. Il gaba è un γ-amminoacido, uno dei principali neurotrasmettitori del s.n.c, che regola anche il tono muscolare provocandone il rilassamento; il GABA, prodotto naturalmente dal nostro corpo, può essere dunque utilizzato anche nelle creme; rilascia infatti degli agenti topici che penetrano nella pelle e la rilassano agendo dall’interno. Il risultato è quello ricercato dalle donne: un aspetto più disteso, una pelle soda, uniforme e fresca come la rugiada.





 




Apertura straordinaria  2 Luglio

Il nostro Negozio di Castelfranco in piazza Giorgione sarà aperto anche dalle ore 21.00 alle 23.00